N E P T U N E

Nettuno è l'unico pianeta del nostro sistema solare non visibile ad occhio nudo.

Nettuno fu osservato nel 1613 da Galileo Galilei, tuttavia, insegnò che si trattava solo di una stella, e quando volle approfondire la sua ricerca, il movimento del pianeta iniziò a essere troppo leggero per essere rilevato di nuovo. Il fattore più importante della scoperta è stato il pianeta Urano, di cui gli astronomi stavano calcolando l'orbita e osservando che Urano non stava seguendo i loro modelli.

ASTRO - PROIEZIONE 

SCARICA L'ILLUSTRAZIONE QUI 

TIME LINE 

210815_SPECULA_TIMELINE_neptune.png

L'orbita perturbata di Urano ha costretto gli astronomi a concludere che la colpa fosse di un altro pianeta da scoprire. Predissero dove sarebbe dovuto essere, e l'astronomo Urbain Le Verrier chiese l'aiuto di Johann Galle, un astronomo dell'Osservatorio di Berlino. Galle ha trovato il pianeta a un grado di distanza dal punto previsto, rendendo così Nettuno il primo pianeta ad essere scoperto da calcoli e previsioni matematiche. Galle propose il nome Janus, il dio romano con due facce e La Verrier propose il nome Nettuno, tuttavia cercò di dare il suo nome al pianeta ma non ebbe il sostegno popolare al di fuori della Francia.

210731_SPECULA_DIAGRAM-09.jpg
612_PIA01539.jpeg

Anche se Nettuno è il pianeta più lontano dal nostro Sole, è una tappa frequente nella cultura pop e nella narrativa. Il pianeta ha fatto da sfondo al film horror di fantascienza del 1997 "Event Horizon", mentre nella serie di cartoni animati "Futurama", il personaggio Robot Babbo Natale ha la sua base sul polo nord di Nettuno. I fan di "Dr. Who" ricorderanno che un episodio intitolato "Sleep No More" è ambientato su una stazione spaziale in orbita attorno a Nettuno. E nell'episodio pilota di "Star Trek: Enterprise", "Broken Bow", gli spettatori apprendono che a velocità di curvatura 4.5, è possibile volare su Nettuno e tornare sulla Terra in sei minuti. 

L'astronomo Struve, è uscito in favore del nome di Nettuno in 29 dic ° 1846. Poco dopo, divenne selvaggiamente accettati. Nettuno era il dio romano del mare, identificato con il greco Poseidone poiché il pianeta appariva di colore simile all’acqua.  I suoi satelliti ricevettero anche nomi di divinità dell’acqua. Si ritiene che il colore di Nettuno sia influenzato dalla presenza di metano nella sua atmosfera e anche da un’incognita.

CURIOSITA' 

1200px-Angelo_Bronzino_-_Portrait_of_Andrea_Doria_as_Neptune_-_WGA3261.jpeg