J U P I T E R

È il pianeta più antico del Sistema Solare quindi è stato il primo a prendere forma dai resti della nebulosa solare.

Le familiari strisce e vortici di Giove sono in realtà nuvole fredde e ventose di ammoniaca e acqua, che galleggiano in un'atmosfera di idrogeno ed elio. L'iconica Grande Macchia Rossa di Giove è una tempesta gigante più grande della Terra che imperversa da centinaia di anni.

Brilla così intensamente che persino Venere si attenua in confronto. Per questo motivo è stato osservato fin dall'antichità da molte culture diverse.

ASTRO - PROIEZIONE 

SCARICA L'ILLUSTRAZIONE QUI 

TIME LINE 

210815_SPECULA_TIMELINE_JUPITER.png

Giove è la controparte del mitico re greco degli dei, Zeus, questo nome è mantenuto ancora oggi nella lingua greca moderna. Gli antichi greci chiamavano Giove, Fetonte, che significa "stella ardente". Come dio supremo del pantheon romano, Giove era il dio del tuono, del fulmine e delle tempeste, e giustamente chiamato il dio della luce e del cielo.

Tuttavia, Galileo Galilei è il primo astronomo ad aver osservato Giove attraverso il suo telescopio. Iniziò ampie osservazioni del pianeta nel 1609. Durante questo periodo e fino al 1610, Galileo scoprì le quattro lune più grandi che orbitano attorno a Giove: Io, Europa, Ganimede e Callisto. In suo onore sono chiamate le lune galileiane.

Inizialmente le considerava “stelle fisse” ma con il tempo assistette al cambiamento di posizione degli oggetti e ne dedusse persino quasi correttamente i periodi. Questa scoperta fu rivoluzionaria poiché, all'epoca, la maggior parte dell'Europa sosteneva ancora la teoria che tutti i pianeti orbitano attorno alla Terra.

210731_SPECULA_DIAGRAM-06.jpg
5b19487f1ae66220008b4a96.jpeg

La scoperta di Galileo ha aperto la strada al modello eliocentrico del sistema solare, in cui i pianeti orbitano attorno al Sole . Giove era noto ai babilonesi come Marduk, la divinità protettrice della città di Babilonia. I romani la chiamavano "la stella di Giove" - poiché la ritenevano sacra al dio principale della mitologia romana, il cui nome deriva dal composto vocativo proto-indoeuropeo Dyēu-pəter.

CURIOSITA' 

Giove era una destinazione notevole nello spettacolo di fantascienza dei fratelli Wachowski "Jupiter Ascending", mentre varie lune gioviane forniscono impostazioni per "Cloud Atlas", "Futurama", "Power Rangers" e "Halo", tra molti altri. Nel film "Men in Black" quando l'Agente J - interpretato da Will Smith - afferma che pensava che uno dei suoi insegnanti d'infanzia provenisse da Venere, l'Agente K - interpretato da Tommy Lee Jones - risponde che in realtà proviene da una delle lune di Giove.